Le decisioni dell'assemblea straordinaria sul rafforzamento patrimoniale della banca

4 maggio 2017 - 9:53

Udine, 4 maggio 2017 – L’Assemblea degli Azionisti, riunitasi lo scorso 28 aprile 2017 in sede straordinaria, con, inter alia, all’ordine del giorno il progetto di aumento del capitale sociale proposto dal Consiglio di amministrazione per il rafforzamento patrimoniale della Banca, all’unanimità dei Presenti, ha deliberato:

(i) di eliminare l’indicazione del valore nominale delle azioni, in linea con la prassi di mercato ed in conseguenza delle emissioni di nuove azioni al di sotto della parità contabile, assicurando che l’ammontare dei nuovi conferimenti sia complessivamente pari o superiore all’ammontare del deliberando aumento di capitale;

(ii) in conseguenza della perdita rilevata per l’esercizio 2016, pari a Euro 76.200.140,00 , ai sensi e per gli effetti dell’art. 2446 c.c., di ridurre il capitale sociale da Euro 112.913.040,00 a Euro 69.766.692,00, rappresentato da numero 112.913.040 azioni senza indicazione del valore nominale. In conseguenza della riduzione del capitale sociale è stata ripianata l’intera perdita accertata, risultante dal bilancio chiuso al 31 dicembre 2016; e

(iii) di aumentare il capitale sociale, a pagamento, da Euro 69.766.692,00 (come sopra ridotto) a Euro 120.577.557,30 e quindi per Euro 50.810.865,30 (oltre il sovrapprezzo pari a complessivi Euro 49.117.169,79 per un totale di Euro 99.928.035,09, mediante emissione di complessive n. 846.847.755 nuove azioni ordinarie, prive del valore nominale, da offrire in opzione agli azionisti ai sensi dell’art. 2441 comma 1, ad un prezzo pari ad Euro 0,118 per azione (di cui Euro 0,06 a titolo di sovrapprezzo) nel rapporto di n. 15 azioni ordinarie di nuova emissione ogni n. 2 azioni ordinarie possedute.

L’Assemblea ha stabilito, altresì, tutti i termini e le condizioni dell’aumento di capitale.

In particolare, l’Assemblea ha deliberato che il suddetto aumento di capitale debba considerarsi (i) inscindibile sino all’importo di nominali Euro 40.648.692,24 (oltre a sovrapprezzo di Euro 39.293.735,83 per un totale di Euro 79.942.428,07 e (ii) scindibile per l’ulteriore importo di nominali Euro 10.162.173,06 (oltre a sovrapprezzo di Euro 9.823.433,96 per un totale di Euro 19.985.607,02.

Il termine ultimo per l’esercizio dei diritti di opzione è fissato al 30 settembre 2017.

L’aumento di capitale potrà considerarsi eseguito (i) quanto alla parte inscindibile, alla data di sottoscrizione dell’intero importo, (ii) quanto alla parte scindibile, l’efficacia dell’aumento è subordinata all’integrale sottoscrizione della parte inscindibile dell’aumento stesso, fermo restando in ogni caso il termine ultimo del 30 settembre 2017.

La sottoscrizione dell’aumento di capitale potrà avvenire anche mediante compensazione volontaria con i crediti dei soci sottoscrittori dei titoli subordinati denominati “Tier II Subordinated Callable Fixed Rate Notes due 30 June 2024”.

L’operazione è soggetta al preventivo rilascio delle autorizzazioni di legge da parte dell’Autorità di vigilanza per le quali la Banca nei prossimi giorni andrà a presentare istanza.

 

 

 




Banca Mediocredito FVG

Banca della Regione per la regione.

 

Scopri di più